Banca Asiatica di Sviluppo: nuove misure per intraprendere un’azione trasformativa per il clima

La Banca Asiatica di Sviluppo (ADB) ha recentemente accolto con favore l’aumento degli impegni dei suoi paesi membri in via di sviluppo (DMC) alla COP26 come un promettente passo avanti per rafforzare le azioni nella battaglia globale contro il cambiamento climatico. I paesi hanno concordato a Glasgow una serie di impegni per soddisfare i loro contributi determinati a livello nazionale (NDC), un elemento chiave dell’Accordo di Parigi che mira a limitare l’aumento delle temperature globali a ben meno di 2°C, preferibilmente a 1,5°C, rispetto ai livelli pre-industriali.

“La COP26 ha fatto diversi promettenti passi avanti nell’unire il mondo, e la regione dell’Asia e del Pacifico, per intraprendere un’azione più forte contro il cambiamento climatico. Sono stato personalmente incoraggiato dallo spirito di determinazione collettiva e dalla forza di volontà che ho visto alla COP26 per risolvere quello che è il problema critico della nostra vita”, ha detto il presidente dell’ADB Masatsugu Asakawa. “Allo stesso tempo, i negoziati dettagliati e la dichiarazione finale evidenziano chiaramente che bisogna fare di più – più finanziamenti, più innovazione e più collaborazione sono necessari più velocemente per affrontare questa sfida. Come banca del clima della regione, ADB è concentrata a lavorare con i nostri DMC e altri partner per assicurare che la battaglia contro il cambiamento climatico sia vinta in Asia e nel Pacifico”.

L’ADB ha annunciato una serie di misure e partnership di alto livello alla COP26 volte a intraprendere un’azione trasformativa contro il cambiamento climatico, tra cui: il lancio dell’Energy Transition Mechanism Southeast Asia Partnership con l’Indonesia e le Filippine, che mira a utilizzare la finanza pubblico-privata per accelerare il pensionamento delle centrali a carbone e sbloccare gli investimenti in energia pulita e rinnovabile per sostituirle; la formazione della ASEAN Green Recovery Platform da 665 mln di dollari per aiutare i paesi del sud-est asiatico a mettere in scena una ripresa verde, resiliente e inclusiva dalla pandemia di coronavirus (Covid-19); la Community Resilience Partnership Platform, che rafforzerà la resilienza climatica delle comunità locali, in particolare delle donne e delle ragazze; l’Urban Resilience Trust Fund, che si concentrerà sulla costruzione della resilienza climatica nelle aree urbane e, infine, il Climate Action Catalyst Fund, che creerà crediti di carbonio e finanziamenti per la mitigazione del carbonio in Asia e nel Pacifico.

Leggi il documento originale su: ADB Welcomes Promising Steps Forward at COP26 for Climate Action in Asia and the Pacific