Bangladesh : gravi inondazioni nei campi profughi minacciano la vita di migliaia di persone

L’Oxfam ha dichiarato che giorni di forti piogge monsoniche nel sud-est del Bangladesh hanno causato gravi inondazioni nei campi profughi di Cox’s Bazar e dintorni, lasciando migliaia di persone in urgente bisogno di cibo, acqua e servizi igienici.

L’emergenza è un altro colpo devastante per le centinaia di migliaia di Rohingya che quattro anni fa sono fuggiti da violenze e persecuzioni scioccanti in Myanmar e ora vivono nel campo profughi più grande e più densamente popolato del mondo. Dopo quattro anni di crisi per i rifugiati, i finanziamenti per la risposta ai Rohingya sono diminuiti, lasciando i rifugiati senza un sostegno sufficiente. Ad oggi, il Piano di risposta congiunto 2021 per la crisi dei Rohingya in Bangladesh ha ricevuto solo il 30% dei 943 milioni di dollari richiesti per coprire le attività di risposta dell’anno.

L’acqua piovana ha inondato strade, ponti, rifugi e altre infrastrutture critiche come i servizi igienici, aumentando il rischio di frane, annegamenti e malattie trasmesse dall’acqua. Secondo i rapporti iniziali, 15 persone (compresi i bambini) sono state uccise, più di 21.000 rifugiati sono stati colpiti e quasi 4.000 rifugi di bambù e teloni sono stati danneggiati. È probabile che le forti piogge continuino per altri cinque giorni e che le condizioni nei campi possano peggiorare ulteriormente.

Leggi il documento originale su: Severe flooding and landslides in Bangladesh’s refugee camps threaten thousands