BEI e UNDP: ruolo chiave dei mercati dei capitali per stimolare il finanziamento degli SDG

Il ruolo delle obbligazioni sostenibili nella realizzazione degli Obiettivi di sviluppo sostenibile è stato il tema di un evento digitale UNDP-BEI, intitolato Sustainable Development Goals and Bonds – Working together for Impact, che si è concentrato in particolare sulle esigenze dei mercati emergenti. All’amministratore dell’UNDP Achim Steiner, al presidente della BEI Werner Hoyer, al vicepresidente Ambroise Fayolle, nonché alla responsabile dei mercati dei capitali della BEI Eila Kreivi e a Maria Shaw-Barragan, responsabile dei partner globali della BEI, si sono uniti alti rappresentanti dei ministeri delle finanze indonesiano e uzbeko per una discussione di ampio respiro.

La presenza di 329 trilioni di dollari di attività finanziarie sui mercati, di cui solo l’1% sarebbe necessario per raggiungere gli SDGs con un immenso ritorno per tutte le parti, è stata sottolineata da Achim Steiner che ha dato il via all’evento. Ha anche sottolineato l’importanza del partenariato BEI-PNUS, il cui memorandum d’intesa è stato recentemente rinnovato per altri 5 anni: “Insieme stiamo contribuendo a stimolare una spinta agli investimenti SDG che cambierà il gioco. Questo aiuto garantirà che ogni paese e ogni comunità possa fare la sua parte nel plasmare una ripresa globale, inclusiva e verde e in ultima analisi l’economia”, ha detto.

Il Presidente Hoyer ha sottolineato l’importanza dell’azione congiunta BEI-PNUS e ha evidenziato che il mercato delle obbligazioni verdi, sociali e di sostenibilità è cresciuto in modo impressionante negli ultimi cinque anni e sta per battere un altro anno record di emissioni per raggiungere quasi 2.000 miliardi di dollari in obbligazioni in circolazione. Ha detto: “Il nostro sforzo congiunto sosterrà i paesi a chiudere il gap di finanziamento degli SDG sbloccando nuovi tipi di strumenti di debito e promuovendo la trasparenza nel finanziamento sostenibile”.

In un dibattito che è seguito, Luky Alfirman, direttore generale del finanziamento del bilancio e della gestione dei rischi presso il Ministero delle Finanze dell’Indonesia ha condiviso come l’UNDP Indonesia ha supportato il viaggio degli SDG Bonds del paese, “Dall’etichettatura del bilancio climatico e la formulazione del quadro verde, al reporting dell’impatto, avere l’UNDP come esperto neutrale dall’inizio alla fine del viaggio dell’emissione di obbligazioni tematiche dell’Indonesia è stato molto utile.” Un tema chiave della discussione è stato il modo in cui questi tipi di obbligazioni possono aiutare a strutturare una transizione verde e giusta sia nel mondo sviluppato che in quello in via di sviluppo, dato che tutti i progetti in cui si investe devono essere allineati a Parigi e seguire gli standard concordati. Il responsabile dei mercati dei capitali della BEI, Eila Kreivi, ha evidenziato l’importante lavoro sugli standard e sui criteri svolto dalla BEI e dai suoi partner per garantire la trasparenza e la responsabilità delle obbligazioni sostenibili e dei green bond in particolare. Per dirla in modo succinto: “I Green e SDG Bond non sono fini a se stessi, è quello che si fa con i soldi che conta”.

Leggi il documento originale su: EIB and UNDP point to role of capital markets to “spur a push” for SDG finance