Energia elettrica, l’Australia punta su eolico e risorse solari

Il mix di produzione energetica dell’Australia, ora per quasi due terzi carbone e gas naturale, sta subendo una trasformazione importante, con quasi 50 GW di risorse eoliche e solari in fase di sviluppo. La generazione di energia del Paese ammonta a circa 70 GW, secondo i dati di S&P Global Market Intelligence, ottenuta per il 35% da carbone e il 28% da gas naturale. La capacità prevista è di oltre 61 GW, di cui il 45% dal solare e il 37% dall’eolico.

Secondo l’Australian Energy Market Operator, che sovrintende ai mercati dell’elettricità e del gas naturale del paese, vengono rapidamente aggiunte alla rete risorse variabili di energia rinnovabile. Si prevede che già nel 2025 tutta l’elettricità del Paese sarà fornita da fonti rinnovabili in determinati intervalli.

AGL Energy Ltd., con sede a Sydney, è il più grande produttore di energia del Paese, secondo i dati di Market Intelligence, con oltre 8,9 GW, principalmente da carbone, in funzione e altri 3,7 GW pianificati.

Il secondo più importante è Sun Cable Pte con sede a Singapore. Ltd., con un portafoglio pianificato di 11,9 GW. La società sta progettando un enorme campo solare nel Nord dell’Australia accompagnato da risorse di accumulo di energia, collegato a Singapore da un cavo di trasmissione sottomarino ad alta tensione in corrente continua. L’infrastruttura energetica potrebbe fornire circa il 15% del fabbisogno elettrico di Singapore.

Fortescue Metals Group Ltd., invece, attraverso una controllata, ha dichiarato a febbraio che prevede di sviluppare 5,4 GW da risorse eoliche, solari e di stoccaggio nell’Australia occidentale, in parte per rifornire le proprie operazioni.

Come in Nord America e in Europa, i produttori di energia australiani stanno dunque ristrutturando le loro flotte per ridurre le emissioni.

Leggi il documento originale su: Australia power plant pipeline includes 50 GW of wind, solar resources