Farm to Fork: strategia globale per accelerare la transizione verso un sistema alimentare sostenibile

Ogni anno nell’UE vengono generati circa 88 mln di tonnellate di rifiuti alimentari. Come possiamo prevenire un tale spreco di risorse e garantire invece la sicurezza e la sostenibilità alimentare in tutto il continente? Dal 2014, l’IC BBI contribuisce agli obiettivi della strategia “Farm to Fork” dell’UE finanziando progetti che utilizzano gli scarti di cibo e colture, aumentano la durata di conservazione dei prodotti e promuovono pratiche agricole sostenibili.

Cos’è la strategia Farm to Fork dell’UE? La Commissione europea ha sottolineato l’importanza di un sistema alimentare solido e resiliente per i cittadini europei. La strategia Farm to Fork dell’UE è un approccio globale a come viene valutata la sostenibilità alimentare. La politica sottolinea la necessità di accelerare la transizione verso un sistema alimentare più sostenibile che preservi la biodiversità e abbia un impatto ambientale neutro o positivo. La strategia affronta l’urgente necessità di ridurre l’uso di pesticidi e fertilizzanti chimici e pericolosi con l’obiettivo di invertire la perdita di biodiversità, proteggere la salute umana e aumentare il benessere degli animali. I progetti finanziati dall’IC BBI contribuiscono a diverse dimensioni del pilastro della strategia relativo alla prevenzione della perdita e dello spreco di cibo. Questo pilastro mira a ridurre lo spreco di cibo a livello del rivenditore e del consumatore e a migliorare la circolarità durante la produzione di cibo per evitare perdite.

Oggi l’agricoltura e la lavorazione del cibo generano grandi quantità di rifiuti. In Europa, circa 90 milioni di tonnellate di cibo e 700 milioni di tonnellate di colture vengono sprecate ogni anno. La maggior parte dei progetti finanziati dall’IC BBI stanno aiutando a ridurre questo spreco trasformando gli avanzi dell’agricoltura e di altri processi agroalimentari in nuovi ingredienti alimentari e mangimi, materiali e prodotti a base biologica. Inoltre, questi progetti forniscono nuove opportunità di business per gli agricoltori, e molti di loro mirano a fornire prodotti con valore nutrizionale al mercato alimentare e dei mangimi. Mantenere il cibo fresco e sano è la chiave per ridurre lo spreco alimentare. Ma come possiamo raggiungere questo obiettivo senza inquinare il pianeta con la plastica? Diversi progetti finanziati dalla BBI JU stanno portando sul mercato soluzioni di imballaggio innovative e sostenibili a base biologica. Essi mirano ad aumentare la durata di conservazione dei prodotti alimentari e a ridurre la perdita di cibo a livello del produttore e del consumatore, fornendo al contempo un’alternativa sostenibile alla plastica a base fossile.

Leggi il documento originale su: FIGHTING FOOD WASTE: BBI JU-FUNDED PROJECTS SUPPORT THE EU’S FARM TO FORK STRATEGY