Iniquità razziale: “un rischio sistemico” – Ceo di State Street Global Advisors

Uno dei maggiori gestori patrimoniali al mondo sta intensificando la pressione sulle aziende pubbliche affinché divulghino i dati sulla diversità razziale. Nel 2021, le principali priorità di gestione di State Street Global Advisors saranno i rischi sistemici associati al cambiamento climatico. Non solo: vi saranno anche i rischi associati alla mancanza di diversità razziale ed etnica. Ciò, è quanto ha dichiarato il CEO Cyrus Taraporevala.

“La preponderanza delle prove dimostra in modo chiaro e inequivocabile che l’iniquità razziale ed etnica è un rischio sistemico che minaccia vite, aziende, comunità e la nostra economia. Al contempo, è fondamentale per rendimenti sostenibili a lungo termine”, ha affermato Taraporevala. Il CEO ha definito la mancanza di dati disponibili al pubblico sulla razza e la diversità etnica “la nostra sfida principale come investitori”.

Per iniziare ad affrontare questo divario di dati, a partire dalla stagione proxy 2021 SSGA voterà contro il presidente del comitato di nomina e governance se una società dello S&P 500 o del FTSE 100 non rivela la diversità razziale del suo consiglio di amministrazione. E l’anno seguente, SSGA voterà contro quei presidenti di commissione in aziende che non hanno almeno un amministratore di una “comunità sottorappresentata”.

Per approfondire: www.spglobal.com