IRENA: siamo sulla giusta strada per un futuro sicuro per il clima?

Nell’ambito dell’Accordo di Parigi e della COP26, i paesi hanno migliorato i loro Contributi Determinati a livello Nazionale (NDC) e hanno dichiarato ambiziosi impegni di mitigazione come il net zero. Nonostante abbiano fatto una notevole differenza nelle emissioni di gas serra e nell’aumento della temperatura globale, abbiamo ancora bisogno di mettere il mondo su un percorso sicuro per il clima.

I governi, le istituzioni finanziarie e le entità del settore privato devono ampliare l’ambizione commisurata alla scala della minaccia climatica, seguita da un’implementazione reale, a breve termine e accelerata: una caratteristica chiave del Patto per il clima di Glasgow fatto alla COP26.

Questo rapporto valuta gli attuali impegni per il clima alla luce della sfida futura, ed esplora l’opportunità di trasformazione offerta dall’energia rinnovabile che può servire come un veicolo importante per fornire le necessarie riduzioni delle emissioni, così come molteplici Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs).

Tra i risultati emerge che ad oggi, 193 paesi hanno ratificato l’Accordo di Parigi (da 190 nel 2020) e 194 parti hanno presentato un NDC. Insieme agli NDC nuovi e aggiornati, gli impegni netti zero attuali e annunciati sono proiettati a ridurre ulteriormente le emissioni entro il 2030, con il potenziale di limitare il riscaldamento a 2,1°C, evitando un aumento più catastrofico di oltre 2,8C secondo gli NDC iniziali. Inoltre, al 15 novembre 2021, 182 parti avevano incluso componenti di energia rinnovabile nei loro NDC, di cui solo 144 avevano un obiettivo quantificato. Di questi obiettivi, 109 si concentrano sull’energia e 30 menzionano esplicitamente il riscaldamento e il raffreddamento o i trasporti. Solo 13 parti si sono impegnate per una percentuale di energie rinnovabili nel loro mix energetico complessivo.

In aggiunta, i membri del G20 rappresentano circa il 75% delle emissioni globali di gas serra; 19 hanno presentato NDC nuovi o aggiornati, di cui solo 11 hanno presentato un NDC con impegni che sono più forti del loro precedente NDC. Infine, circa 32 PMS e 27 SIDS, che rappresentano un totale di 55 parti, hanno presentato nuovi, aggiornati o secondi NDC da settembre 2020, di cui più di 35 parti hanno presentato impegni più forti. Circa 44 parti hanno incluso obiettivi di energia rinnovabile e in 178 paesi, esiste una discrepanza tra gli obiettivi di energia rinnovabile negli NDC e quelli presenti nelle leggi nazionali e nelle strategie e piani ufficiali.

Leggi il documento originale su: NDCs and Renewable Energy Targets in 2021