La Germania annuncia una massiccia espansione delle energie rinnovabili

Durante una conferenza stampa, il nuovo ministro verde tedesco per l’economia e il clima, Robert Habeck, ha presentato i suoi piani energetici e climatici per l’anno 2022 e oltre. I piani includono una massiccia espansione dell’energia eolica con fino a 10 GW di nuove installazioni eoliche onshore annuali verso la fine di questo decennio. Il governo tedesco prevede di pubblicare due grandi atti legislativi, uno dei quali prevede una legge dedicata all’eolico onshore. Solo entro la fine di quest’anno, la Germania mira ad aumentare il volume delle aste per l’eolico onshore, a snellire le procedure di autorizzazione, a raggiungere un nuovo equilibrio tra l’eolico onshore e la protezione delle specie e a mettere da parte il 2% della superficie terrestre della Germania per la generazione di energia eolica.

La Germania non è sulla buona strada per raggiungere i suoi obiettivi climatici ed energetici del 2030. Il paese deve ridurre le sue emissioni di CO2 di circa 40 milioni di tonnellate all’anno. La Germania è stata all’avanguardia nell’energia eolica, ma l’espansione delle energie rinnovabili si è bloccata negli ultimi anni. Come risultato, la Germania è destinata a mancare il suo obiettivo del 65% di rinnovabili nel mix elettrico – per non parlare del nuovo obiettivo dell’80% approvato nel 2021. Il nuovo ministro tedesco dell’economia e del clima, Robert Habeck, vuole ora accelerare di nuovo la transizione energetica del paese – con una moltitudine di misure diverse. Durante una conferenza stampa, Habeck ha chiarito che l’energia eolica, e specialmente l’eolico onshore, rimarrà la più importante fonte di elettricità in Germania e la chiave per ulteriori riduzioni delle emissioni. Questa accelerazione richiederà nuovi approcci alla pianificazione e ai permessi, nuovi siti per lo sviluppo dell’energia eolica e un’apposita “Legge sull’eolico onshore” che sarà presentata nel 2022, ha detto Habeck.

“L’Energiewende sta ruggendo di nuovo. La Germania vuole un’enorme espansione dell’eolico onshore. E il governo capisce perfettamente che questo richiede un permesso più veloce per i nuovi parchi eolici – e intende realizzarlo al più presto con una nuova legge dedicata all’eolico onshore”. I recenti annunci segnano il ritorno della leadership tedesca sulle rinnovabili”, dice Giles Dickson, CEO di WindEurope.

Le misure a breve termine che faranno parte di un “Pacchetto di Pasqua” da approvare in Parlamento prima della pausa estiva includono il via libera ai progetti di energia eolica che sono attualmente bloccati dall’aviazione civile e militare. Attualmente l’installazione di radar per l’aviazione civile e gli interessi militari sono un ostacolo per il permesso di molti nuovi progetti eolici. Habeck stima che le misure potrebbero liberare 4-5 GW di nuovo vento attualmente bloccato dai radar e 4 GW attualmente bloccato dai militari. Il pacchetto di Pasqua eliminerà ulteriormente la tassa EEG. In futuro, il sostegno alle energie rinnovabili sarà pagato dal bilancio statale, riducendo il peso sulle famiglie a basso reddito e sulle piccole imprese. Si dice anche che il pacchetto definisca la transizione energetica come una “questione di interesse pubblico” per dare priorità ai progetti di energia eolica rispetto ad altre forme di utilizzo del territorio. Questo è un presupposto importante per snellire le procedure di autorizzazione e trovare nuovi siti per i progetti di energia eolica.

Con la revisione della sua legge sull’energia rinnovabile (EEG), la Germania prevede di dare un impulso massiccio all’espansione dell’energia eolica onshore come parte del Pacchetto di Pasqua. Secondo l’annuncio di oggi, la Germania mira a installare fino a 10 GW di nuovo vento onshore all’anno da qui alla fine del 2020. Per mettere questo in prospettiva – l’Europa nel suo complesso ha installato ben 11,8 GW di vento onshore nel 2020. Già come parte dell’accordo di coalizione il governo tedesco ha detto che avrebbe aumentato l’obiettivo della Germania per l’eolico offshore a 30 GW entro il 2030. Per la fine del decennio ciò significa installazioni annuali di energia eolica combinata fino a 15 GW.

Infine, il Pacchetto di Pasqua includerà una proposta del governo per assicurare che l’espansione dell’eolico onshore non avvenga a spese della protezione dell’ambiente e delle specie. Attualmente i ricorsi legali contro i permessi per l’energia eolica, spesso presentati sulla base della legge tedesca sulla protezione della natura, sono un grande ostacolo per i nuovi progetti. Il governo vuole trovare un nuovo equilibrio tra la protezione del clima e la protezione dell’ambiente. Questo richiederà una stretta collaborazione tra ONG, industria e cittadini, ha detto Habeck.

Questa espansione richiede generalmente permessi più brevi e meno complessi per le nuove fattorie. Il governo si è impegnato a fare dei permessi una priorità chiave del secondo pacchetto legislativo, il cosiddetto “Pacchetto estivo”. Esso includerà anche una nuova strategia di riscaldamento, un’ondata di rinnovamento, un aggiornamento della strategia nazionale tedesca sull’idrogeno che vedrebbe l’obiettivo tedesco degli elettrolizzatori raddoppiato a 10 GW entro il 2030. Tuttavia, i nuovi progetti eolici onshore richiedono ulteriori siti. La Germania sta progettando un’apposita “legge sull’eolico onshore”. Secondo questa proposta, la Germania metterebbe da parte il 2% del territorio nazionale per lo sviluppo dell’energia eolica onshore. L’associazione tedesca per l’energia eolica (BWE) ha ripetutamente affermato che solo il 2% del territorio tedesco sarebbe sufficiente per costruire abbastanza eolico onshore per soddisfare gli obiettivi della Germania sulle energie rinnovabili. Durante la conferenza stampa Habeck ha sottolineato che le regole restrittive sulla distanza tra le turbine eoliche e gli edifici residenziali, come la regola bavarese delle 10H, non potrebbero persistere sotto il nuovo obiettivo del 2%.

Leggi il documento originale su: Germany announces massive renewables expansion