Le multinazionali europee spingono per un piano di ripresa sostenibile

Oltre 50 grandi multinazionali, tra acquirenti di energia, come Nestlé Google e Barclays, e fornitori, come Enel Iberdrola e Orsted, hanno inviato una lettera alla UE e ai Governi nazionali nella quale chiedono di strutturare un piano di ripresa sostenibile in attuazione degli obiettivi fissati nel Green Deal.

In particolare, chiedono che l’UE stimoli investimenti integrativi per i progetti sulle fonti rinnovabili. Inoltre, si richiede che vengano messe in atto politiche di supporto per lo sviluppo dei PPA – Power Purchase Agreement – e che venga data priorità ai finanziamenti per le infrastrutture elettriche, quali la digitalizzazione e il miglioramento delle reti di distribuzione e dei siti di stoccaggio.

Un quadro politico quindi che aumenti l’approvvigionamento di energia elettrica rinnovabile delle aziende in tutto il continente, cosa che non solo genererà centinaia di migliaia di posti di lavoro, garantendo una transizione energetica giusta e sostenibile, ma aiuterà l’Unione a realizzare l’obiettivo di neutralità climatica entro il 2050.

Per maggiori dettagli consultare il seguente link: