Net-Zero Asset Owner Alliance: dialogo attivo verso un percorso di 1,5°C

In risposta al rapporto Reclaim Finance, “It’s Not What You Say, It’s What you Do”, il presidente della Net-Zero Asset Owner Alliance, convocata dall’ONU, Günther Thallinger ha dichiarato: “L’Alleanza sta cercando un dialogo attivo e costruttivo con la società civile in modo che i suoi membri possano consentire l’attuazione della transizione cruciale verso un percorso di 1,5°C, come richiesto dall’Accordo di Parigi del 2015. Gli stessi proprietari di asset devono aumentare l’ambizione per raggiungere robusti obiettivi di emissione provvisori di cui sono responsabili. Mentre la società civile ha un ruolo cruciale nell’aiutare a far sì che più fornitori di servizi finanziari si impegnino a net-zero, spingendo quelli che stanno già correndo ad andare più veloce e spingendo quelli che rimangono in piedi.”

Il presidente ha poi aggiunto che “I membri dell’Alleanza stanno già cambiando il loro processo decisionale di investimento, permettendo loro di lavorare efficacemente con gli altri sulla trasformazione all’inizio di questo decennio decisivo. Con obiettivi a breve termine basati sulla scienza per la riduzione delle emissioni di portafoglio, la riduzione dell’intensità delle emissioni di settore, l’impegno delle aziende e il finanziamento della transizione, più un monitoraggio neutrale degli obiettivi stabilito sotto forma di un segretariato guidato dalle Nazioni Unite, abbiamo fatto dei primi passi robusti.”

Concludendo ha affermato: “La via della trasformazione dall’energia fossile è guidata da questi percorsi basati sulla scienza. Un tale approccio permette una transizione non solo fattibile ma anche giusta. Un semplice ‘nessun investimento nell’energia fossile, specialmente petrolio e gas’ creerebbe disuguaglianze sociali ed economiche, e quindi rallenterebbe alla fine la transizione cruciale verso l’energia rinnovabile.”

Leggi il documento originale su: NET-ZERO ASSET OWNER ALLIANCE RESPONDS TO RECLAIM FINANCE REPORT