Programma alimentare mondiale: dall”UE 3 mln per l’assistenza umanitaria nella Striscia di Gaza

Grazie a un generoso contributo di 3 mln di euro dell’Unione europea (UE), il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite (WFP) ha sostenuto 23.400 persone bisognose (più di 4.000 famiglie) con un’assistenza critica nella Striscia di Gaza. Il contributo dell’aiuto umanitario dell’UE ha fornito tre mesi di assistenza urgente in contanti multiuso alle persone colpite dall’escalation di violenza del maggio 2021. Il sostegno dell’UE è arrivato in un momento in cui le richieste umanitarie delle famiglie palestinesi erano eccezionalmente alte. Ha contribuito ad alleviare le sofferenze di oltre 4.000 famiglie le cui case e mezzi di sussistenza sono stati colpiti durante gli undici giorni di ostilità, che hanno visto il più grave scontro tra le fazioni armate palestinesi e Israele dal 2014.

“Il popolo di Gaza ha affrontato un anno particolarmente difficile. Colpita dalla pandemia e dall’escalation della violenza, l’UE doveva essere presente per i gazesi più vulnerabili”, ha detto Janez Lenarčič, commissario europeo per la gestione delle crisi. “L’assistenza in denaro ha aiutato le famiglie che rischiavano di perdere tutto a ritrovare la loro strada. Come donatore di lunga data di aiuti umanitari ai palestinesi, l’UE è impegnata a essere solidale con le persone in difficoltà e a sostenere la dignità umana”.

Questa escalation di combattimenti, il Covid-19, e il degrado economico hanno avuto un ulteriore impatto sulla crescente disoccupazione, insicurezza alimentare e tassi di povertà di Gaza. Ha portato ad un aumento della sofferenza di coloro che vivono nella Striscia di Gaza, specialmente per i più fragili economicamente. Le ostilità di maggio hanno lasciato molte famiglie sfollate e appesantite dall’incapacità di soddisfare i loro bisogni di base.

“La gente ha visto questa assistenza come una possibilità di respirare”, ha detto Samer AbdelJaber, rappresentante del WFP e direttore nazionale in Palestina. “L’impatto dell’assistenza in denaro va oltre l’aiutare le persone a soddisfare i loro bisogni. La sua flessibilità dà alle persone la libertà di scegliere di spendere il denaro come meglio credono. Avere questa libertà di stabilire delle priorità, specialmente in un contesto instabile, è importante e rafforza le persone”.

Attraverso questo intervento, le famiglie bisognose hanno ricevuto 270,5 dollari al mese da spendere secondo le loro necessità, aiutando le famiglie a ripagare i debiti e a pagare il cibo, l’alloggio e l’assistenza sanitaria. In Palestina, il WFP fornisce assistenza alimentare alle persone più vulnerabili attraverso cibo in natura e trasferimenti in contanti, sostenendo al contempo la resilienza a lungo termine attraverso un approccio di sostentamento che impiega una formazione mirata, sostenendo opportunità di lavoro incentrate sulle competenze e fornendo risorse agricole a domicilio per migliorare la sicurezza alimentare e i bisogni nutrizionali delle famiglie palestinesi più vulnerabili e colpite. Il WFP lavora anche con partner, donatori e istituzioni locali per fornire supporto tecnico al fine di migliorare la capacità dei partner nazionali e dei sistemi nazionali di protezione sociale.

Leggi il documento originale su: EU and WFP contribute to recovery of Palestinian families affected by escalations in Gaza