Svizzera: le donne e il timore del fallimento nella creazione di un’impresa

L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) rivela che la creazione di nuove imprese riguarda più gli uomini che le donne.
Nel suo rapporto “Ovviare alla penuria di imprenditori 2021,” si evince come le donne abbiano circa un terzo di possibilità in meno di lavorare in una startup o in una nuova impresa, con una notevole differenza a seconda dei paesi considerati.

Se in Spagna il genere non influenza la fondazione dell’impresa, questo dato è invece più marcato in Giappone, Turchia e Norvegia, dove la carenza femminile nelle nuove attività si fa sentire.

La Svizzera, che si posiziona 20esima nella classifica per percentuale di donne fondatrici o con ruoli dirigenziali nelle aziende, vede un numero di uomini pari a quasi il doppio rispetto a quello delle colleghe donne.

Secondo lo studio, tra le motivazioni vi è anche la paura dei rischi connessi all’imprenditoria e del fallimento, che impedisce al 43% circa delle donne di portare a termine il proprio progetto, contro il 37% degli uomini.

Leggi il documento originale su: Le donne esitano ancora a lanciarsi nell’imprenditoria