Tifone Rai: sono 370 i deceduti e 4,5 gli sfollati nelle Filippine

Dopo il tifone Rai, centinaia di migliaia di famiglie stanno trascorrendo il nuovo anno in angusti centri di evacuazione, alcune confinate in stanze che ospitano quattro famiglie alla volta, secondo Oxfam.

“I sopravvissuti al tifone hanno già trascorso il Natale nei centri di evacuazione; non teniamoli lì anche a Capodanno, visto che stiamo ancora combattendo la pandemia Covid-19”, ha detto il direttore nazionale di Oxfam Pilipinas, Lot Felizco. “Le condizioni congestionate aumentano i rischi per la salute, poiché è impossibile per loro osservare la distanza fisica. La mancanza di acqua e di strutture sanitarie rende anche il lavaggio frequente delle mani e le corrette abitudini igieniche più difficili per i sopravvissuti al tifone”, ha aggiunto Felizco.

Il governo ha riferito che oltre 370 persone sono morte e 4,5 milioni di filippini in 10 regioni sono stati colpiti e sfollati dal tifone Odette (nome internazionale: Rai). Il monitoraggio iniziale ha mostrato che almeno 400.000 case sono state danneggiate, 127.000 delle quali sono state completamente distrutte. In alcune aree colpite dal tifone Odette, i residenti sono già alloggiati in case di fortuna costruite con materiali di recupero. “Queste non sono abbastanza robuste o sicure, dato che le precipitazioni continuano in molte parti del paese”, ha detto Felizco.

La sicurezza delle donne e dei bambini è particolarmente a rischio, dato che non ci sono pareti divisorie tra le famiglie. In alcuni centri di evacuazione, le persone sono anche costrette a fare il bagno in aree aperte a causa della continua scarsità di acqua. In alcuni centri di evacuazione, le persone sono anche costrette a fare il bagno in aree aperte a causa della continua scarsità di acqua.

Oxfam Filippine chiede ai donatori e al settore privato di dare priorità ai finanziamenti per i materiali di riparazione dei rifugi, oltre al cibo e all’acqua per le comunità colpite dal tifone. Fornire materiali da costruzione alla comunità permetterà ai sopravvissuti del tifone di riparare e ricostruire le loro case e contribuirà, a sua volta, a decongestionare i centri di evacuazione. A Siargao, Oxfam e il partner United Youth of the Philippines-Women (UnYPhil-Women) hanno già distribuito 200 kit per l’igiene, 200 kit per dormire e 200 kit per l’acqua per il barangay dell’isola a San Fernando, città di Del Carmen.

Oxfam e il suo partner “Community Organizers Multiversity” stanno anche trasportando 500 pacchi di cibo, 500 kit per l’igiene, 150 kit per dormire, 300 contenitori per l’acqua, 90 scatole di aqua tabs e 50 kit di riparo ai barangay dell’isola di Caub a Del Carmen; Mabini e Dayahoay nella città di Pilar. Inoltre, Oxfam Pilipinas ha distribuito pacchetti solari a sostegno di SIKAT e degli uffici comunali per la riduzione e la gestione del rischio di disastri di Padre Burgos e Macrohon a Leyte meridionale.

Leggi il documento originale su: Typhoon Rai: Hundreds of thousands brace the new year cramped in evacuation centers, some confined in rooms taking up to four families at a time